Festa di San Martino

Obiettivo Campane

ADOTTIAMO UN'AIUOLA

 

UN'ASSOCIAZIONE CHE SI RINNOVA


Questa  è la storia di 4 persone chiamate Ognuno, Qualcuno, Ciascuno e Nessuno.
C'era un lavoro importante da fare e Ognuno era sicuro

che Qualcuno lo avrebbe fatto.
Ciascuno avrebbe potuto farlo, ma Nessuno lo fece.
Fini' che Ognuno incolpo' Qualcuno perché Nessuno fece ciò che

Ciascuno avrebbe potuto fare.


Scopo dell'Associazione Campalto Viva è che Ciascuno, Qualcuno, Nessuno è Ognuno collaborino per fare quel lavoro importante cioè l'interesse di tutti i cittadini

di Campalto.
Per noi essere soci significa questo.

Grazie a tutti per l'attenzione

 


By Pass di Campalto - Pregressi e progressi

La tormentata storia del By Pass di Campalto, sulla cui costruzione ogni politico si diverte a dire la sua, sembra arrivata ad una svolta. Tutto inizia con due episodi chiave: il primo a metà novembre quando, all’inaugurazione del sottopasso tra via Martiri della Libertà e via Orlanda, l’Assessore Regionale Chisso si dice soddisfatto dei passi avanti fatti per il miglioramento della viabilità della zona e nella stessa occasione si fa scappare che il By Pass di Campalto diventa quindi un opera di secondaria importanza con la conseguenza che, i fondi già stanziati, potrebbero essere investiti per interventi più urgenti.

Il secondo avvenimento importante avviene durante l’inaugurazione del nuovo tratto di Via Vallenari, quando il Vicesindaco Simionato, sollecitato a dare un parere sulle parole di Chisso, si dice disponibile a parlare sulla necessità o meno del By Pass.

Due dichiarazioni che lasciano intendere una volontà, mai espressa prima, di voler affrontare una valutazione sulla reale necessità di realizzazione di questa arteria stradale. Nel frattempo la notizia di qualche mese fa, che annunciava un intervento del Comune per colmare la differenza tra il costo inizialmente stimato da anas e il costo finale per la realizzazione (risultato della rivalutazione dei terreni interessati), si è dimostrata senza fondamento, spingendo ancor più in un angolo la fattibilità dell’opera.

Al di là delle uscite dei vari politici sulla presunta imminente costruzione, resta il fatto che per prendere una decisione c’è bisogno che Regione e Comune si parlino per portare avanti insieme la strada che entrambi sembra vogliano proseguire.

Ma se Comune e Regione sembrano andare allo stesso passo, così pare non sia nella Municipalità di Favaro dove, pur di non perdere i finanziamenti per il by pass, si appoggerebbe il progetto anche se ritenuto da molti non più necessario...! E’ evidente l’esigenza di creare un tavolo comune che veda riuniti tutti i livelli delle amministrazioni locali ma anche i comitati e i cittadini affinché si metta finalmente fine a questa dibattuta questione ...

Come andrà a finire?

Elena Brugnerotto

 

Fonte: http://issuu.com/lapaginadicampalto/docs/105_marzo-issuu pag. 4

Login Area Soci



Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per tenerti informato sulle nostre iniziative.